Archivi

Scegliere l’arredamento del bagno

Prima di scegliere l’arredamento del bagno, dobbiamo considerare alcuni fattori. Design e funzionalità sono elementi caratteristici del bagno. Questa stanza, infatti, deve essere strutturata in modo intelligente. Di solito, i bagni non sono mai eccessivamente spaziosi. Sta a noi giocare con l’organizzazione e con il design, senza tralasciare la funzionalità dei sanitari. 

Dobbiamo avere cura di scegliere i sanitari all’ultima moda? La risposta non è così semplice. Possiamo puntare sui sanitari sospesi, a filo muro, oppure tradizionali. Quali sono le caratteristiche? Di cos’altro ha bisogno il bagno? 

  1. Sanitari a filo muro: questi sanitari uniscono le caratteristiche delle tipologie sospese e tradizionali. Hanno un livello di pulizia medio, sono abbastanza moderni e si inseriscono facilmente in qualsiasi contesto e dimensione del bagno. 
  2. Sanitari sospesi: sono perfetti da introdurre in un bagno di piccole dimensioni. Uno dei vantaggi più interessanti è dato proprio dalla velocità della pulizia. Inoltre, le tubature non saranno a muro. Potremmo definirli essenziali, in pieno stile minimal. L’unico problema è il costo: hanno un prezzo maggiore. 
  3. Sanitari tradizionali: sono i classici sanitari con i tubi in vista. Ad oggi sono ancora i più diffusi, perché costano poco rispetto agli altri. 

Come scegliere l’arredamento del bagno al meglio

Dopo avervi dato una breve panoramica sui sanitari disponibili, è arrivato il momento discutere del resto degli arredi. Oltre ai sanitari, infatti, di solito acquistiamo un armadietto a muro, un contenitore per le medicine e un bancone in cui incastrare il lavandino e i nostri effetti. 

Per scegliere l’arredamento del bagno, dobbiamo anzitutto calcolare le sue misure. In questo modo sarà molto più semplice puntare su una tipologia specifica di sanitari. Il nostro consiglio è di non risparmiare ma di considerare un investimento l’acquisto dei sanitari sospesi.

Perché vi suggeriamo di acquistarli? Sono un prodotto di alta tecnologia, realizzati con materiali e tecniche di ultima generazione. Dureranno molto più a lungo e inoltre vi ridurranno i tempi di pulizia. 

Infine, per quanto riguarda gli armadietti e il bancone, sceglieteli sempre in modo che offrano una soluzione salvaspazio. Vi tornerà utile e potrete arredare il bagno al meglio, con l’essenziale. 

Per questo articolo ci siamo ispirati a Pullè Arredo Bagno a Riccione e Iper Cercamica, che ha diversi mobili per il bagno.

Scegliere la carta da parati

Negli ultimi anni molti hanno preferito un ritorno al passato, scegliendo la carta da parati per l’arredamento degli ambienti interni della loro abitazione. Ma scegliere la carta da parati adatta significa mettere in primo piano le esigenze personali. È necessario tenere in considerazione l’arredamento complessivo della casa e della stanza in particolare, tenendo conto di alcuni fattori fondamentali. È logico che una scelta o un’altra influiscono in modo ampio sulla caratterizzazione dell’ambiente, sull’umore e le sensazioni che la stanza può trasmettere. Dobbiamo chiederci se vogliamo trasmettere allegria, serenità o severità.

Tinte e disegni della carta da parati

È importante puntare sul colore, quando si sceglie la carta da parati per un determinato ambiente interno. In generale le tinte chiare tendono ad aumentare la luminosità e possono far sembrare le stanze più grandi. Le tinte scure, invece, hanno la possibilità di conferire agli ambienti un aspetto più intimo, anche se meno spazioso.

Possono sembrare dettagli, ma è importante il valore che vogliamo attribuire ad un ambiente. Ecco perché dobbiamo ricordarci che le dimensioni dei disegni possono fare la differenza. I disegni ampi tendono a rimpicciolire la stanza, mentre le fantasie più piccole danno l’opportunità di amplificare la superficie.

I materiali per la carta da parati

Esistono in commercio diversi materiali che possono essere utilizzati per comporre la carta da parati. In particolare possiamo distinguere tra quattro differenti tipologie:

  • carta – è un materiale molto delicato, che difficilmente resiste all’umidità e agli sfregamenti e può andare incontro a deterioramento;

  • vinile – è un materiale molto robusto e resistente ed è anche facile da pulire. Riesce a resistere all’acqua e all’umidità, per cui si potrebbe utilizzare per tappezzare alcune stanze particolari come il bagno e la cucina;

  • fibra naturale – si tratta di materiali come cotone, lino, canapa, bambù, sughero e seta. Possono offrire il vantaggio di combinarsi insieme all’insegna della personalizzazione e del rispetto delle esigenze e dei gusti individuali. Si prestano ad essere utilizzati soprattutto per l’applicazione di rifiniture anche stampate e dipinte a mano;

  • tnt – il tnt è il cosiddetto tessuto non tessuto. Si presenta come resistente e lavabile. Nel tempo i suoi colori possono rimanere facilmente inalterati.

Mobili da cucina

La cucina è il luogo in cui ci si abbandona ai piaceri della tavola da soli, in famiglia o in compagnia, pertanto è fondamentale scegliere i mobili da cucina giusti affinché i momenti più saporiti della nostra giornata possano essere vissuti nell’ambiente adeguato. Continua a leggere